Sembra ovvio esaltare l’Amore?

Ecco, forse lo è ma è proprio questo a piacermi poco. Purtroppo ciò che riteniamo <ovvio> rischia di essere dato per scontato e trascurato.

Approfittiamo dell’avvicinarsi di San Valentino per rifletterci su.

Non sulla coppia, non sull’innamoramento…ma sull’AMORE. L’Amore come sentimento universale, l’Amore come spirito di vita, l’Amore come interpretazione di se stessi. L’Amore che merita una standing ovation.

La merita NONOSTANTE.

Nonostante le ferite e le delusioni. Nonostante la paura e le diffidenze. Nonostante le durezze e le sofferenze.

L’Amore potrebbe essere il significato di tutto, no? Amore per se stessi, Amore per il prossimo, Amore per l’esistenza intera. Una chiave di lettura, la valvola della benevolenza, la ricarica di gioia. Non è una formula di salvezza religiosa, l’Amore è una scelta di crescita umana. Di crescita e di BEN-ESSERE.

Cosa conoscete di più seducente e soave? L’Amore è bellezza, allegria, desiderio, virtù.

L’amore ci rimette in pace.

Ingentilisce i tratti e i pensieri.

Regala speranza e rinnova le energie.

Sì, l’Amore ha una potenza straordinaria perché è rasserenante, emozionante, gratificante. Ci offre occhi nuovi, ci permette slanci splendidi, ci fa tirar fuori risorse inaudite. Ci strappa all’individualismo, ci sottrae al rancore, ci solleva dalla rabbia. Lenisce, stimola, ridisegna i contorni di ogni momento e di qualsiasi situazione. L’impulso d’Amore è una bacchetta magica.

Tutto ciò che facciamo con Amore e per Amore viene bene, vero?

Viene bene (e ci fa stare bene) perché scatena le nostre qualità migliori, la nostra attenzione, la nostra perseveranza, la nostra indulgenza.

L’Amore trasforma. Ci cambia davvero i connotati. Cambia i connotati di ogni cosa. Possiede il dono dell’eterna primavera. In effetti fa germogliare, fa sbocciare, illumina. Non trovate sia portentoso tutto quello che l’Amore può fare?

Forse oggi possiamo e dobbiamo pensarci tanto, pensarci di più, pensarci meglio. Forse oggi l’Amore è una mancanza da colmare. L’Amore di tutti i giorni, l’Amore dei principi e delle ispirazioni, l’Amore dei gesti e dei progetti. L’Amore come faro, l’Amore come speranza.

Io ho la sensazione che rappresenti anche il grande, meraviglioso segreto della FELICITA’ POSSIBILE. Una felicità profonda, autentica, intima e sociale. Una specie di collante e di ragione per renderci migliori.

Come sempre, quando vago tra le riflessioni per fare passi sulla via del BEN-ESSERE, sento l’inquietudine della difficoltà ma anche l’euforia dei valori e della battaglia. Da over 50 e da Donna sento la responsabilità dei messaggi positivi. Non è mai cieco ottimismo ma fiducia attiva e propositiva.

Cosa ne dite? Non siete anche voi persuasi che l’Amore sia la svolta del mondo?

Dovremmo davvero dedicare all’Amore una standing ovation. Per rispetto, con slancio, a ringraziamento. Riconosciamogli il posto che merita, mettiamolo al centro della scena su un tappeto rosso, accogliamolo con tutti gli onori. Facciamolo diventare uno STILE DI VITA.

Viva l’Amore! Sempre.