I periodi di lockdown, almeno per chi è stato in smart working, avranno mitigato un po’ il pensiero “non ho niente da mettere” davanti all’armadio traboccante di vestiti. Forse molte si saranno accontentate del guardaroba senza troppe paturnie, vero?

Potrebbe essere l’incipit di una riflessione sulla ritrovata importanza dei valori essenziali ma non lo è.

Io credo che in ogni tempo e ad ogni età ci è capitato e ci capiterà di dire “non ho niente da mettere”.

Perché il punto non sono gli abiti e neppure l’ordine di importanza delle cose della vita. Tutti sappiamo che il look non è un dramma, tutti sappiamo che dobbiamo dare pena e attenzione a ben altro. Il fatto è che “non ho niente da mettere” cela talvolta un disagio con se stesse, una sorta di insicurezza o di insoddisfazione, qualcosa che non ci fa stare bene nei nostri panni.

A volte ci vediamo troppo magre o troppo grasse, altre volte tutti i colori sono troppo sgargianti, tutti i modelli sono inadeguati. In realtà non andiamo d’accordo con il nostro corpo, non ci sentiamo riflesse allo specchio come vorremmo.

Quando siamo più felici, risolte, allegre, bastano un vecchio jeans e una t-shirt e andiamo alla grande, no?

In effetti il salto della DISINVOLTURA di cui spesso parlo riusciamo a farlo quando abbiamo sistemato un po’ di pensieri con noi stesse. Quando ci riconosciamo valore al di là di ogni immagine, quando abbiamo voglia e gioia di vivere.

Dobbiamo insomma lavorare sul BEN-ESSERE. Cioè rimboccarci le maniche, fare un lunghissimo respiro di ottimismo e poi valorizzare quello che siamo: Donne capaci, Donne generose, Donne intraprendenti, Donne intelligenti, Donne sensibili. Ecco, quando mettiamo a fuoco le virtù smontiamo un po’ di paure, di resistenze, di imbarazzi, di malinconia!

E dobbiamo anche sdoganare il famoso “difetto”, quello che abbiamo o magari vediamo solo noi, quello che sembra impedirci di mettere un capo o costringerci soltanto dentro un certo genere di abbigliamento.

Secondo me, lo sanno bene le persone che mi leggono sempre, lo STILE è fatto da buon gusto e personalità: con questi due splendidi riferimenti possiamo orientarci con libertà, femminilità, energia e gioia….Il buon gusto e la personalità sono sostenuti e alimentati dalla serenità conquistiamo.

Già, la serenità con noi stesse ci fa sempre trovare “qualcosa da mettere”!