Conoscete l’opera “Il merito delle donne” di Modesta dal Pozzo?

Il merito delle donne è scritto in forma di dialogo: sette donne veneziane unite “da cara e discreta amicizia”, s’incontrano nella “casa bellissima” con un “giardino bellissimo” di una di loro, e nell’arco di due giornate discutono sulla condizione della donna e sui rapporti con l’uomo. Le sette amiche mettono in luce come sia ingiustificata la preminenza che la società accorda agli uomini e come sarebbe auspicabile una vita autonoma e senza vincoli, ma successivamente si chiedono perché le donne siano “schiave volontarie fino alla morte” degli uomini. L’opera sottolinea l’importanza dell’insegnamento reciproco fra donne in vari campi del sapere, tra cui le scienze naturali e la medicina, per emanciparsi dal potere maschile e si conclude con una richiesta agli uomini di una maggiore comprensione e collaborazione.

Pensate che la sua pubblicazione risale al 1600!

Straordinario, vero?

Uno spunto meraviglioso in tempi in cui, dopo secoli, si discute animatamente di parità di genere. E uno spunto meraviglioso perché in questa chiave diventa un’apertura felice e costruttiva.

Di Modesta dal Pozzo è adorabile lo spirito. Uno spirito che dopo quattrocento anni è ancora freschissimo e illuminante.

Chi mi legge sa che amo parlare di FEMMINILITA’ come umano percorso delle Donne. Per capire chi siamo, per sentire chi siamo e per viverlo! Penso alla femminilità come libera espressione di sé.

Passa dal rapporto intimo e unico con il nostro corpo, con i nostri pensieri, con la nostra energia. Passa dalla pace che facciamo con la nostra complicata sfera emotiva. Passa dal piacere con cui decidiamo di amarci.

Perché lei, la femminilità, è spesso costretta e sepolta sotto uno strato di paure e di insicurezze, infilata in un labirinto di dubbi e difficoltà, bloccata da una serie di convinzioni limitanti. Bisogna tirarla fuori e metterle le ali, esattamente come le mettiamo ai sogni.

D’altra parte credo fortemente e vivacemente alla RICCHEZZA DELLE DIFFERENZE quindi immagino sempre universo maschile e universo femminile senza contrapposizioni.

So che con questo aspetto tocco un tasto difficile, delicato e controverso.

Conosco le fatiche delle Donne, laddove sono ancora vittime di discriminazione, tutte le volte in cui il loro valore non è riconosciuto, in ogni situazione in cui soffrono un disagio. So in quanti ambiti, in quanti ruoli, in quante occasioni, le Donne debbano anche oggi lottare strenuamente per affermare capacità e competenze. Ma forse proprio per questo mi piace ancora di più esaltare la femminilità, pensare che le Donne possano vivere pienamente la loro essenza.

Ci sono grandi e importanti segnali nel mondo, questo è forse il periodo storico in cui il MERITO della Femminilità troverà la sua affermazione naturale!

Il MERITO è ciò che mi sta a cuore, sopra ogni cosa…Sappiate che sto preparando una sorpresa, proprio sul merito😉