VIVI OGNI GIORNO COME SE FOSSE L’ULTIMO è uno degli insegnamenti di Seneca che spesso ripetiamo senza però applicarci compiutamente al suo infinito significato.

Il senso è quello di portare a compimento il giorno, viverlo in maniera esemplare. Questo vuol dire contemplare ogni spazio di tempo come inizio e fine, come se dovesse concentrare tutto il meglio possibile. Nasciamo al mattino e facciamo scendere il sipario la sera: quello che portiamo in scena nella nostra giornata è dunque l’intensa pienezza. Un capolavoro per il quale ci siamo adoperati minuto dopo minuto.

Quando si dice “dormire sonni tranquilli” si pensa spesso a quella sensazione di pace che si prova quando abbiamo adempiuto alle nostre possibilità quotidiane, quando siamo fieri e soddisfatti dei nostri pensieri e delle nostre azioni.

È difficile. Difficile perché siamo abituati ad andare a letto con il conto dei debiti e dei crediti. Aspettiamo domani. Domani che porti qualcosa, domani per concludere qualcosa, domani per respirare quello che oggi abbiamo rinviato.

Crediamo che oggi non sia mai l’ultimo giorno.

Se riuscissimo a pensarlo, probabilmente lo riempiremmo di cose belle, di sentimenti buoni, di slanci speciali. Se riuscissimo a pensarlo, probabilmente la smetteremmo di sprecare energie e tempo in ciò che non merita né uno né l’altro.

Si tratta di una difficoltà umana. Viviamo peraltro in un contesto sociale e culturale, un contesto che ingloba il futuro come se fosse dimensione che ci appartiene.

Ma insomma possiamo sforzarci e provarci.

A me viene in mente di dare un suggerimento:

VIVI OGNI GIORNO COME SE FOSSE…IL TUO!

Se ci alziamo “padroni” del giorno, siamo stimolati a conquistarlo, a estrarne l’essenza migliore, a esprimere la nostra più splendida versione. Ce ne facciamo illuminare e lo illuminiamo!

Naturalmente non è un invito all’egoismo e neanche all’esasperato egocentrismo.

È invece un atteggiamento consapevole, sereno, responsabile, positivo.

Facciamo dipendere da noi tutto quello che possiamo influenzare, determinare, scegliere, fare, dare. Facciamo in modo di arrivare alla notte con la sensazione di aver onorato la nostra giornata. Si tratta di Ben-Essere. Io cerco di farmi aiutare nell’impresa dal glamour cuore e cervello, perché il tocco glam è allegria, perché il tocco glam è ottimismo, perché il tocco glam è armonia.

E penso allo stile. Allo stile over 50. Soprattutto delle Donne. Quelle Donne che hanno addosso la magia della maturità. Quelle Donne che sprizzano saggezza, femminilità, sensibilità.

Sì, insisto, sugli over 50 alla riscossa. Insisto perché possono incarnare l’esempio del Ben-Essere. Ecco perché adoro il mio piccolo self help, la missione Mollia Style, il risveglio dell’autostima.