Al di là della moda che le porta alla ribalta, le righe possono piacere. Anche molto, perché no?

Pantaloni, vestiti, gonne, blazer, t-shirt a righe sono un mondo. Un mondo di colori, ad esempio. Ma anche di effetti. Righe sottili, righe larghe, stile optical, multi-tinte o classico accostamento bianco/blu marinaresco. Righe orizzontali, righe verticali, righe diagonali.

Righe più o meno per tutti i gusti!

Qual è il primo retro-pensiero che scatenano le righe soprattutto nelle Donne?

L’idea che non siano per tutte, che vadano bandite quelle orizzontali se non si è filiformi, che siano troppo sportive. Potremmo dare un colpo di spugna a questo equivoco ma è bene andare cauti.

In realtà, noi Donne glamour cuore e cervello, abbiamo sempre la bussola dello specchio e del buon gusto per scegliere cosa ci sta bene senza troppi condizionamenti.

Una riga sottile ad esempio ‘allarga’ meno di una riga grossa. Un tacco aiuta a slanciare la figura e a bilanciare l’eventuale lieve percezione di maggior rotondità. I colori stessi delle righe (una predominanza scura ‘snellisce’!) possono equilibrare il risultato finale. Molto dipende anche, come al solito, dal modello del capo. E poi, un ruolo importante, lo gioca anche il tessuto. Insomma le righe vanno provate addosso!

Un buon consiglio può essere anche quello di prestare attenzione a dove mettere le righe…nel senso che le righe possano tornare utili proprio per valorizzare una parte del nostro corpo. Le righe catturano l’attenzione visiva. Possiamo quindi mettere una maglietta a righe su un paio di jeans se vogliamo concentrare la bellezza del look sulla parte alta oppure infilarci in un paio di pantaloni a righe se preferiamo siano fianchi e gambe a fare la parte da leone!

Comunque il sostegno più simpatico alle righe sapete da dove arriva? Da una ricerca scientifica che ha smentito clamorosamente la convinzione che il vestito a righe orizzontali faccia apparire più ‘grasse’!!!

Qualche anno fa un gruppo di ricercatori scientifici, capitanati da Thompson e Mikellidou, ha analizzato la questione partendo da una famosissima illusione ottica, conosciuta come illusione di Helmholtz, che dice praticamente il contrario. Secondo questa tesi, infatti, le righe orizzontali farebbero sembrare la figura addirittura più sottile.

Ci dobbiamo credere? Io più che altro mi fido della prova. Ho provato per vedere con i miei occhi e alla fine ho osato!!!