Il 2018 ci ha portato anche il kimono. Un capospalla alternativo, colorato e leggero.

Possiamo trovarlo in tinta unita ma più facilmente in moltissime vivaci fantasie. Si può indossare in diverse occasioni, in versione più elegante oppure con un look più casual. Un tocco orientale con un bel pizzico di fascino!

Corto o lungo si abbina benissimo ai jeans, a un paio di pantaloni bianchi oppure neri. Gran parte della scelta sarà proprio determinata dalle tinte del kimono, ciò che indossiamo sotto deve quasi ‘scomparire’ in modo che lui sia protagonista! Ecco, possiamo immaginare il sotto come uno sfondo sul quale trionfano le immagini e le nuances del kimono.

Perfetto con un top, una bralette o una camiciola, è possibile indossarlo anche su un abitino semplice dai volumi ridotti. Quelle audaci lo portano anche su un paio di shorts.

Perché un kimono?

Perché, appunto, è un capospalla inconsueto, ma non solo. Con un outfit praticissimo basta il kimono per illuminarci. È morbido e fresco, si adatta facilmente a qualsiasi silhouette. Si può evidenziare appena il punto vita annodando la cintura oppure optare per un kimono a media lunghezza da lasciare aperto oppure ancora si può allacciare la cintura con un nodo molle dietro (come talvolta facciamo con impermeabili e spolverini).

Maniche ampie e svolazzanti perfette anche per le temperature estive.

Se ne trovano in raso, seta, cotone. Colori più scuri e fantasie mini se non vogliamo l’effetto over size, colori chiari e fantasie briose se amiamo il guizzo più euforico.

Ai piedi sneakers, sandali gioiello rasoterra o tacchi. Lo stesso capo possiamo interpretarlo infatti in più modi: magari più sportivo di giorno, più chic e sensuale di sera.

Ci sono tante sfumature di modelli per il risultato che desideriamo. Ricercato? Allegro? Comodo?

Infilatelo in valigia ovunque voi andiate per le vacanze oppure sfoggiatelo tranquillamente in città. Con una pochette, una tracolla, una borsa a mano, in perfetto pendant!