Una salutare postura e un buon portamento?

Certo, pancia in dentro e petto in fuori, significa slanciare bene la figura e tenere una posizione eretta e corretta. Risultato bello da vedere e ottimo dal punto di vista dell’ossatura, della muscolatura, della respirazione.

Ma in realtà quest’espressione cosa ci fa venire in mente?

Fierezza, rettitudine, eleganza?

In effetti un’andatura a pancia in dentro e petto in fuori, al di là che possa vagamente essere scambiata per una posa vanitosa, trasmette un atteggiamento determinato. Ci arriva come compostezza…o forse, visto con occhi da ‘mollaccioni’, come rigidità.

Ma immaginiamo una ballerina, stupendo esempio di leggiadria e femminilità: non tiene forse pancia in dentro e petto in fuori?

Questione di allenamento, fisico e mentale. Questione di volontà. Questione di scopo, aggiungo io. Quando abbiamo un obiettivo ben chiaro, quando ci sentiamo motivati da una causa che ci sta a cuore, quando giudichiamo il nostro fine valido e onorevole, tiriamo in dentro la pancia e spingiamo fuori il petto.

Niente può ‘piegarci’, niente deve farci desistere.

Neanche i colpi bassi che, naturalmente, arrivano.

Stringiamo i pugni e andiamo avanti, schiena dritta e sguardo all’orizzonte.

Nessuna arroganza, anzi. Non ci atteggiamo impettiti per vanagloria e superbia. Semplicemente teniamo umilmente fede alla nostra idea, al nostro impegno, al nostro desiderio.

È una scelta di dignità, di passione, di convinzione.

Il gioco talvolta si fa duro, molto duro. Lo so. Ma ora più che mai so che il glamour cuore e cervello è una stampella efficiente ed efficace…anzi, dovrei dire un busto…che mi tiene pancia in dentro e petto in fuori.

Serenamente. Ecco, mi piace pensare che i sogni positivi contengano l’ispirazione e la guida alla serenità!

Corpo e spirito forti e vigorosi in missione Mollia Style. Sempre.