“Alcuni turisti pensano che Amsterdam sia la città del peccato, ma in realtà è la città della libertà e nella libertà la maggior parte delle persone vede il peccato” (John Green, Tutta colpa delle stelle).

È stata la mia quarta volta ad Amsterdam e posso condividere questo pensiero di Green. Ecco, in realtà Amsterdam è proprio la città della libertà e, si sa, la libertà talvolta è vissuta come trasgressione!

Un’altra realtà è che ad Amsterdam vivono due anime contemporaneamente: quella tollerante e quella puritana. Questa è la sua più grande contraddizione ma anche la sua più grande seduzione.

Il percorso, questa volta, è iniziato dalla Stazione Centrale, che è un monumentale incrocio di stili, per raggiungere la Piazza Dam e da lì, il quartiere dei Musei.

Il Rijksmuseum e il Van Gogh Museum ogni anno staccano 6 milioni di biglietti. Al Rijksmuseum ci sono stata tre volte e questo si può capire solo dopo aver fatto la prima volta la Galleria d’Onore che culmina davanti alla “Ronda di notte” di Rembrandt. Bellezza, emozione, ventata di cultura.

La visita ai due musei richiede parecchio tempo. Se volete programmare un viaggio ad Amsterdam contate di ritagliarvi mezza giornata.

Il resto di Amsterdam lo scoprirete da soli, camminando. Come faccio sempre io. Oppure in bicicletta che è il mezzo più comodo per girare e godere la città.

Su e giù nel labirinto di canali e nelle vie che ad Amsterdam sembrano tutte uguali ma riservano splendidi scorci e un magnifico impatto architettonico.

Oh poi certo un bel po’ di vita e di turisti ad Amsterdam ruotano intorno all’ombelico del mondo: il red light District, meglio conosciuto come quartiere a luci rosse, una delle maggiori attrazioni della città: ci sono sex shop, night club, spettacoli di spogliarello, un elaborato museo del profilattico, un interessante museo del sesso e naturalmente diverse prostitute in vetrina.

Per tutti i gusti e per tutte le età, insomma.

È stato uno splendido week end low cost: volo easyjet da Malpensa andata e ritorno a 70 euro e pernottamento al 5 stelle Renaissance Amsterdam Hotel anch’esso a 70 euro.

Viaggio consigliatissimo…è per questo che non ho voglia di ‘raccontarla’, Amsterdam è da vedere e respirare: mi piace proprio un sacco!

Appassionatamente
Antonella

Gallery