Non ho dubbi: Cracovia è una delle Città più belle d’Europa.

L’ho scoperta grazie a un biglietto aereo Mollia Style.

Quanto mi è costato questo viaggio? 40 € il prezzo del volo Ryan air con partenza da Orio al Serio; 80€ il prezzo per 2 notti in uno dei meravigliosi appartamenti di Too-Good a 100 metri dalla Piazza più grande d’Europa.

Atterro e mi trovo catapultata in un luogo che mi lascia incantata.

Chi poteva immaginare che l’antica Capitale del Regno di Polonia, sonnolenta fino a qualche decennio fa, avrebbe riaperto gli occhi con così tanta grinta, energia e verve? Cracovia deve sicuramente alla storia il suo primato turistico e questo è sicuramente il suo primo segreto. L’altro, ritengo che risieda nella presenza di tantissimi studenti: Cracovia è, infatti, un importante polo universitario, in Europa centrale secondo per prestigio solo all’Università di Praga. Da quello che mi ha riferito una persona del luogo, su circa 800.000 abitanti, 200.000 sono studenti!

Pur avendo perso lo scettro di Capitale a vantaggio di Varsavia, Cracovia merita incontrovertibilmente il ruolo di Capitale culturale della Polonia (culturale ma anche spirituale per via del lungo arcivescovado di Giovanni Paolo II).

Aggiungerei, forse, un altro segreto: Cracovia è semplice e comoda da girare.

Signore e Signori: in poche parole, andate a Cravcovia. Vediamo a vedere cosa!

Rynek Glowny, nel cuore della città vecchia, la piazza medievale più grande d’Europa. Sede di ristoranti e caffè, sulla piazza si trovano il mercato coperto, la torre dell’ex Municipio e varie chiese tra cui la Chiesa di Santa Maria con le sue torri asimmetriche erette da due fratelli rivali di cui una mai ultimata per la morte di uno dei due.

Il Collegium Maius, l’Università che vanta tra i suoi studenti Copernico e Giovanni Paolo II. Qui è conservato il mappamondo del 1510, il primo globo al mondo in cui è stata raffigurata l’America.

Kazimierz: città inglobata a Cracovia nel 1791, dove risiedette la comunità ebraica, pullula di sinagoghe, la mia passione. Il quartiere è stato portato alla ribalta da Spielberg che vi girò il film Schindler’s List e da allora qui più che altrove la vita notturna è frenetica e si diffonde al di là della Vistola fino al quartiere di Podgórze, dove aleggia ancora il triste ricordo del ghetto. Qui, ho fatto visita alla fabbrica di Schindler che ora è adibita a Museo e al “Monumento delle sedie vuote” cioè 70 sedie in ricordo dei 10mila ebrei e degli oggetti che furono costretti a lasciare quando furono deportati. Un monumento di grande poesia e bellezza, nella sua struggente tristezza e semplicità. Mi sono commossa e mi è venuta la pelle d’oca.

Il Castello di Wawel è molto semplice da raggiungere: dalla piazza basta percorrere la Grodzka sempre dritto. È un complesso grande ed è bello gironzolarvi attorno. Io ho deciso di visitare la Cattedrale con un biglietto di ingresso dal costo veramente irrisorio.

La Cattedrale è un vero gioiello poiché è una delle architetture religiose più importanti della Polonia poiché qui venivano incoronati i sovrani quando Cracovia era Capitale del regno. È dedicata ai Santi Stanislao e Venceslao. Acquistando il biglietto si possono visitare anche le tombe dei Re e salire sul campanile di Sigismondo (chiuso d’inverno per via del freddo) da cui si gode una bella vista sulla città.

Per finire, non perdetevi la Meraviglia delle Meraviglie: la “Dama con l’ermellino”, il dipinto a olio su tavola di Leonardo da Vinci, databile al 1488-1490. Quando mi è comparso davanti, nella stanza scura, con la luce puntata su di lui, racchiuso in una cornice dorata e avvolto in pareti color vinaccia, io son stata lì lì per svenire.

Il dipinto si trova al Museo Nazionale.

Se vi trattenete a Cracovia un giorno in più di me, non andatevene via senza aver visitato Auschwitz e Birkenau, luoghi della storia che escono fuori dai libri per diventare realtà. In città trovate proposte di visite guidate comode per gli spostamenti e soprattutto in grado di offrire informazioni alle quali altrimenti non si avrebbe accesso.

 

 

 

 

 

 

Gallery