Anche tu ti sei spesso mortificata dentro un abito informe, hai sepolto il viso sotto un trucco pesante, ti sei costretta in un taglio di capelli che non ti valorizzava?

Anche tu ti sei vista brutta?

Anche tu hai desiderato forme e tratti diversi dai tuoi?

Anche tu hai cercato a tutti i costi qualcosa che ti facesse sentire meglio allo specchio?

Io confesso.

L’insicurezza, il timore di non piacere, il bisogno di essere apprezzate, talvolta stravolgono i pensieri, la pace, il buon senso. Se ci lasciamo inghiottire dalla maledetta inadeguatezza ai modelli finiamo per giocarci ciò che siamo, la nostra unicità, la nostra inimitabile bellezza.

Sì, il punto è proprio capire che ciò che possiamo fare per noi è esattamente ESALTARE QUELLO CHE SIAMO, senza voler assomigliare ad altri. Talvolta è un percorso faticoso. Perché la nostra superficie è soltanto il risvolto esteriore dei tormenti che abbiamo dentro. Fino a quando non impariamo ad accettarci e ad amarci, continuiamo a torturarci di tristezze, di smanie, di insoddisfazioni.

Il brutto è che così non facciamo altro che trascurarci o mascherarci. In qualche modo riusciamo davvero a raggiungere la nostra peggiore versione!

Ecco perché sul cammino per il BEN-ESSERE infilo tanta cura estetica e tanto look. Resto fedele a quella tendenza ma mi impegno a darle un altro valore…quello della mia serenità. Con passione e vigore gioco a star bene nei miei panni, ad osare, ad esprimere senza vergogna il mio gusto.

Ho vinto la battaglia?

Diciamo che ho vinto a modo mio. Ho scelto di sventolare la bandiera dell’esteriorità con il marchio del glamour cuore e cervello. Ho deciso di essere cool dentro e fuori, con i sensi ben presenti e l’autoironia attivata.

Il resto è work in progress…in fondo ho compiuto soltanto 57 anni, ho tempo per ulteriori evoluzioni, no?

Comunque, Donne, quello che vorrei dirvi è che non dobbiamo inseguire la bellezza ma non dobbiamo neanche negarci il piacere di interpretarla.

Ecco, più di tutto mi piace rivendicare il diritto alla femminilità. E per me la femminilità passa un po’ anche dalla vanità, lo ammetto eh!

Io sono per le Donne stropicciate e indaffarate, per le Donne in forma ed eleganti, per le Donne in perenne definizione, per le Donne tenere e romantiche, per le Donne femmes fatale, per le Donne d’acciaio, per le Donne cucciole indifese. Io sono per tutte le Donne, io sono per la libertà.

Non sopporto ci sia sempre qualcosa in più da dimostrare. Non sopporto la mancanza di libertà.  Possiamo essere scienziate in tacco 12, top manager in sneakers, casalinghe in paillettes. Nessuno deve decidere per noi, nessuno può giudicarci dalle apparenze.

La Bellezza delle Donne è il Ben-Essere.