Ricordate i miei precedenti post sulla bellezza dopo gli anta? Step by step, abbiamo visto i primi sei punti, qui  e qui, per chi non li avesse letti.

Ora…

Io mi curo molto: 1)con l’esercizio fisico 2) con un’alimentazione equilibrata 2)con i giusti integratori 3)con creme e prodotti di bellezza 5)con l’aiuto delle mie fidate estetiste.

Molti di voi mi chiedono e aspettano consigli pratici e mirati. Prometto che arriveranno. Non ci sono trucchi e piccole o grandi ‘saggezze’ che io non voglio svelare. Anzi!

Ma…

A 54 anni non ho imparato solo una buona marca da suggerire o qualche altro, pur utilissimo, percorso di bellezza.

Dopo gli anta ho capito che basta tirar tardi la sera, accumulare qualche pena e un po’ di stanchezza di troppo, sgarrare su qualche sana abitudine, per ritrovarsi stampati gli errori sulla pelle. E ho anche capito che è naturalmente inevitabile, no? È inevitabile perché il Mollia Style è vita e non può rinunciare a un’allegra cena con gli amici per non avere il viso provato al mattino!

Dopo gli anta ho capito che la bellezza più duratura e autentica ci deriva dallo stile, dal fascino.

Dopo gli anta ho soprattutto capito che non c’è benessere senza ben-essere. E il ben-essere è un trattamento di bellezza potentissimo!

E allora portate pazienza, seguitemi e diventerete tutti bellissimi.

Cosa dovete fare?

Ogni mattina fate la scelta: una scelta di ben-essere e bellezza.

Come?

Ci sono i provetti che fanno meditazione. E quelli che ancora non lo sono? C’è chi sceglie di sedersi davanti a una colazione energetica da godere lentamente dopo 10 o 15 minuti di una buona lettura. C’è chi si infila le cuffie e ascolta musica. Io indosso tuta e scarpe e vado a correre o a camminare, ve l’ho già raccontato, perché amo dare tono alla mente e al corpo all’aria aperta e in movimento.

Ciascuno trova la sua chiave. La chiave per connettersi con sé e con il mondo, alba dopo alba.

Perché?

Perché evitiamo di affrontare la giornata d’impulso. Perché ci concediamo il lusso di un tempo per noi. Perché svegliamo i buoni propositi del ben-essere. Perché ci possiamo caricare di pensieri positivi. Perché è un patto che stringiamo con la vita: quello di essere il meglio che possiamo essere.

La routine dell’igiene personale, del maquillage, del guardaroba, acquistano un altro significato e avranno una marcia in più. La bellezza e il look? Diventano veri e propri sentimenti, profonde espressioni di sé.

Difficile?

Sì, dobbiamo fare in modo -dopo i 50 anni- che siano espressioni serene. Espressioni, appunto, di ben-essere!

Per questo vi chiedo, Amiche e Amici, di pazientare. Arriveranno anche le creme, i segreti, gli integratori…ma vi voglio pronti con lo spirito!