A me non piace. Non mi piace che le Donne abbiano l’etichetta Small o Large. Non mi piace che debba governarci la taglia striminzita o imperare l’over size. Non mi piacciono i centimetri che diventano un incubo.

Chi mi ha letto sa bene che ho conosciuto diverse misure e ne ho sofferto. Non poco. Oggi mi piacerebbe vedere Donne che stanno bene in spirito e salute, Donne che non devono essere fuscelli o curvy.

In medio stat virtus

Basta. Basta con i modelli che ci vogliono tutte uguali. Basta con i riferimenti ai quali faticosamente adeguarsi. Basta con l’ansia di doversi inchinare all’ago della bilancia.

Lo dico innanzi tutto a me. A me che per troppi anni ho inseguito una forma come se fosse un sogno da realizzare. No, l’unica forma per cui vale la pena darsi da fare è quella del BenEssere. La Medium rappresenta l’equilibrio virtuoso, quello che non sgarra per difetto o per eccesso.

Naturalmente c’è la nostra natura. Una natura che ci regala una certa corporatura. C’è chi è destinato a essere esile e asciutto, chi ha una struttura più robusta o morbida. Al di là di questo c’è quello che facciamo, come mangiamo, quanto ci muoviamo. Facciamo benissimo a cercare di tendere a quel Medium, a curarci, a mantenere quel famoso normo-peso che non significa sottopeso o sovrappeso… Facciamo altrettanto bene a vivere, a rivendicare la nostra personalità, a liberarci dalla zavorra di una silhouette.

Noi Donne over 50 poi possiamo davvero incarnare il Medium con magnifico stile. Perché in fondo, ricordiamolo, a fare la differenza non è mai un numeretto ma lo stile!