Io lo capisco eccome, quel senso di ‘inadeguatezza’ che si può avvertire quando il nostro corpo cambia, quando l’età ammorbidisce le forme, rilassa i muscoli, toglie elasticità alla pelle.

Tutto ciò perché questo è un blog orientato agli ‘anta’: over 40, 50, 60. Ma capita anche alle giovanissime, di sentirsi fuori ‘standard’, di lottare contro il peso, l’acne, la silhouette. È una terribile schiavitù, una catena che bisogna spezzare.

Io lo capisco eccome, l’impegno a curare il proprio fisico con una sana alimentazione, buona attività sportiva, giusti integratori e valide creme. Prestare attenzione a sé è molto Mollia Style.

Ma dobbiamo innanzi tutto volerci bene. Cosa vuol dire?

Vuol dire che possiamo imparare a dire no al diktat della ‘prova costume’. Non siamo studentelle alla vigilia di un esame. Non siamo le nostre misure, non siamo la nostra smagliante apparenza estetica. Siamo Donne, siamo persone.

Vuol dire che non dobbiamo permettere a qualche modello di magrezza, bellezza, stile, di rovinarci la vita, il buon umore, i pensieri. È sempre e solo il fascino della personalità, che vince qualsiasi sfida.

Vuol dire che i nostri ‘difetti’ possono farci crescere, in autoironia e dolcezza. Abbiamo i nostri valori, la nostra intelligenza, la nostra voglia di vivere, a contare assai più di una manciata di chili o di centimetri.

Del resto la <prova costume> è una trappola cui ribellarsi perché non c’è niente di meglio della propria unicità e della propria serenità per essere promosse!

Affronto questo argomento con delicatezza perché so benissimo che per molte Donne, me inclusa, è difficile o è stato difficile compiere un cammino di ‘libertà’ dal canone delle forme. La bassa autostima, l’insicurezza, l’ansia di approvazione, sono i più subdoli e spietati buchi neri di una cultura e di una mentalità che ci ha fatto spesso perdere la bussola.

Possiamo dire BASTA. E la forza la troviamo i n s i e m e. Ridendoci su. Ridendo di quelli che vogliono mettere sotto la lente di ingrandimento la nostra cellulite. Ridendo di noi stesse e delle nostre paturnie.

Volerci bene vuol dire tenere alla nostra salute, al nostro aspetto e al nostro ben-essere senza l’ossessione dei giudizi di acclamazione. Volerci bene vuol dire renderci conto che due rughe, tre smagliature, quattro rotolini e una pancetta non stravolgono lo splendore del nostro glamour cuore&cervello!

Quanto più riusciremo a volerci bene tanto più saremo disinvolte e allegre…e quindi più seducenti che mai.

Care Amiche, scrivo tutto questo a voi e a me stessa. BASTA, davvero. Non dobbiamo essere pin up, femme fatale o incantevoli creature per goderci l’esistenza e afferrare luminosi attimi di felicità. Dobbiamo solo essere Donne, con la D maiuscola.

E in verità scrivo anche a voi, Amici Uomini. Non importa se siete appesantiti, meno tonici, ingrigiti. Vi vogliamo autentici e degni. Degni di quella U maiuscola.