Essere attraenti significa sfoderare bellezza e seduzione?

Io in verità ho voglia di concentrarmi su un’attrazione che non è propriamente quella erotico-sentimentale.

Per tutti e sempre è meraviglioso risultare attraenti.

Tutti e sempre siamo colpiti dalle persone attraenti.

Si tratta della marcia in più che possiamo imparare a ingranare! È fatta di molti ingredienti ben mescolati.

Siamo abituati a una sfilza di consigli sull’ordine, sull’igiene personale, sul buon gusto, sul portamento. Non sono affatto da sottovalutare, tutt’altro. Chi ha cura di sé e del proprio aspetto si rende sicuramente gradevole alla vista, esprime attenzione, garbo, fascino. Quindi una messa in piega, un trucco aggraziato, un abbigliamento armonioso, la barba ben rasata o ben tenuta, un bel portamento, sono per Lei e Lui particolari da tenere in considerazione. Fanno la loro sublime figura anche due gocce di profumo che non siano propriamente una scia invadente.

Ma tutto questo basta?

Decisamente no.

Le persone attraenti sono persone che incuriosiscono, che ammaliano per lo charme, che conquistano per l’autorevolezza, che piacciono per le qualità “a pelle”.

Possiamo parlare di TALENTO NATURALE? Per molti probabilmente sì, sono concentrati di energia trascinante, di sex appeal, di leadership. Ma nulla è perduto.

ATTRAENTI SI PUO’ DIVENTARE.

La sintesi spesso sta già nell’atteggiamento ovvero nel linguaggio non verbale: il SORRISO è un’arma imbattibile, se lo associamo a uno sguardo limpido e luminoso e a una postura che racconta fiducia e serenità siamo quasi certamente destinati a risultare attraenti.

Il resto lo facciamo a piccoli grandi passi di entusiasmo e determinazione.

Come?

  • Innanzi tutto lavorando molto sull’autostima. È lei in effetti che regola la nostra disinvoltura, la capacità di esprimere la nostra personalità e di relazionarci. È lei che ci aiuta a compiere scelte da protagonisti della vita.
  • Poi inserendo nella nostra routine di pensiero il verbo valorizzare. Valorizzare le nostre doti vuol dire prendere maggior dimestichezza con i nostri punti di forza senza negare le debolezze, far fruttare inclinazioni e abilità, predisporre il nostro umore a una modalità positiva ed efficiente.
  • Ancora dando spessore alla gentilezza, all’ascolto, all’apertura, all’empatia. Pensate quanto può essere attraente chi trova le parole giuste per accoglierci, chi riesce ad ascoltarci davvero, chi manifesta vivacità di interessi.
  • Altro elemento fondamentale di crescita del proprio potere di attrazione è il coraggio. Non il coraggio di compiere gesta eroiche, il coraggio della lealtà, il coraggio delle idee e dei valori, il coraggio della franchezza. Nulla a che vedere, naturalmente, con la superbia! Questo è il coraggio che ci rende efficaci e assertivi. Sono aspetti che ammaliano tantissimo!
  • Molto importanti sono anche la sensibilità e la cultura. Non dobbiamo essere Einstein, per essere attraenti dobbiamo se mai essere persone curiose di sapere, persone che hanno a cuore la conoscenza, persone che annusano volentieri le novità, persone disponibili alle opinioni altrui ma non disposte a subirle.
  • Ultimo ma non ultimo è lo spirito brillante. Avere uno spirito brillante significa spiccare. Non è detto che dobbiamo cercare sempre i riflettori, rubare a tutti la scena, essere continuamente a caccia di consensi. Tutt’altro. Significa avere una buona battuta al momento giusto, riuscire a intrattenere una conversazione piacevole e allettante, interagire in maniera costruttiva e vivace.