C’è un solo modo, per VINCERE LE SFIDE: accettarle.

Non possiamo vivere di speranze, non possiamo negarci l’opportunità di un traguardo, non possiamo stroncare i nostri sogni.

Tutto ciò che vogliamo, le nostre aspirazioni e i nostri progetti, hanno bisogno di noi. Dobbiamo CREDERCI. Il valore che diamo alle nostre idee, ai nostri programmi, alle nostre ambizioni è la vera grande risorsa per avere motivazione, grinta, passione.

Niente e nessuno realizzerà qualcosa per noi se non siamo noi a primi a tirar fuori forza, entusiasmo, determinazione.

La fortuna?

La fortuna è importante, altroché.

Ma non basta.

Un colpo di fortuna bisogna comunque saperlo afferrare al volo, rispettarlo ed onorarlo. Una buona occasione in fondo è ciò che capita quando siamo pronti a capirla e a farla fruttare. Dipende davvero da quello che siamo, diamo e facciamo. Il destino ha la sua parte ma sta a noi rimboccarci le maniche.

In questi giorni sto riflettendo molto, sulle sfide e sulle possibilità che la vita offre. Certe volte pensiamo che la congiuntura non sia favorevole, che verrà un tempo migliore…ma così non facciamo che rinviare, svicolare, perdere. Ecco, lasciamo che la pigrizia, la paura, l’indecisione, conquistino lo spazio che avrebbe potuto essere nostro.

L’INDOLENZA È UN INSULTO GRAVE A NOI STESSI.

L’indifferenza d’animo non ci rende meritevoli del risultato. Invece di andare verso ciò che diciamo di volere, ce ne allontaniamo. Incautamente.

Nonostante gli umani dubbi, le naturali fatiche, i momenti di sconforto, l’unico modo per vincere le sfide è affrontarle. Con tenacia, perseveranza, trasporto, responsabilità. Aggiungerei CON GIOIA.

Sì, quando tentiamo tutto fino in fondo vinciamo sempre. Vinciamo anche se non raggiungiamo la meta! Perché la sfida da vincere è esattamente quella con noi stessi, il nostro impegno e la nostra serenità.

Ho capito che anche contro le insicurezze la chiave giusta è proprio quella di comprendere che dobbiamo essere più terrorizzati dalla rinuncia che dall’eventuale sconfitta…

Oggi siamo davanti a sfide epocali, a un durissimo periodo di instabilità. Forse riflettere sul significato del POSSIBILE è davvero un’ancora di salvezza. Aguzziamo l’ingegno, attiviamo la volontà, lucidiamo la creatività e mettiamo finalmente in conto che credere profondamente in un obiettivo è un trampolino di lancio che non dobbiamo ignorare.