I modelli di pantaloni ‘alla cavallerizza’ interpretati nello stile urbano…insomma senza darsi all’ippica…sono diversi, da quelli più aderenti ed elasticizzati a quelli di linea molto più morbida.

Io prediligo i secondi. Meno simili a un paio di leggins e più adatti a un look free chic. Casual ed eleganti insieme. Sì, li trovo molto comodi e molto femminili.

A vita più o meno alta hanno un’ampiezza quasi ‘vaporosa’ lungo la gamba fino a stringersi solo dal ginocchio in giù.

Effetto ‘cavallo basso’ ma con classe! L’amazzone da città porta bene in effetti una linea pratica ma ben abbinabile al tacco, a un blazer raffinato, a una leggera e raffinata maglietta.

Naturalmente sono indossabili a meraviglia con gli stivali alla cavallerizza ma, attenzione, in quel caso, occorre un abbigliamento complessivo in perfetto pendant…

I miei non sono nuovi. Forse anche tutte voi, Amiche, ne avete un vecchio paio ritirato. Ogni tanto tornano, ogni tanto è bello rispolverarli, ogni tanto è bello scegliere un outfit fuori dalle solite righe.

Un vezzo ma anche un modo per interpretare con originalità i nostri giorni, no?

Li ho neri ma sono sicuramente un must i pantaloni da cavallerizza nelle tonalità classiche del beige. E comunque può darsi che l’inverno ci porti nuove versioni e nuovi colori.

Risultato large? No, un tessuto leggero che cade bene non allarga, direi!

Vi piacciono? Li portate?