Mi sono trovata una sera a Roma da sola. Ero in Piazza di Spagna e mi aggiravo in cerca di un posto per la cena. Io! Sì, insomma, io Donna nata provinciale. Io che in un ristorante da sola non avrei mai pensato di entrare. Io che faticavo a credere a me stessa perfino mentre pensavo di farlo.

È vero, ho iniziato a girare il mondo in lungo e in largo ma le gambe sotto il tavolo per pranzo o cena da sola ancora non le avevo messe. Per sciocchi condizionamenti, per vergogna.

Eppure…credo che il mio viso si sia allargato in un sorriso. Ero decisa e mi sentivo leggera. Sbirciavo qua e là, volevo un locale che mi ispirasse calore forse…

Ed ecco che, d i s i n v o l t a, varco la soglia del magnifico Al 34, al civico 34 -appunto- di Via Mario de’ Fiori.

Avete presente una suggestiva, sublime, elegante, ‘trattoria’? Al 34 racchiude atmosfera, bellezza, bontà!

Tonnarelli cacio e pepe? Eccellenti. Ma quella sera, Al 34, a rapirmi sono stati loro: titolari e camerieri. Più squisiti del menu, se possibile. Mi hanno trattato come una principessa, servita e coccolata. Una gentilezza e un garbo impareggiabili.

Non posso che ringraziarli, di cuore. Mando a tutti loro un abbraccio: professionalità e simpatia sono sempre indimenticabili.

La mia prima volta da sola al ristorante non poteva andare meglio!

Ho iniziato a fare tante cose, dopo i 50 anni. E chissà quante ancora ne scoprirò. Sono felice, di queste piccole grandi esperienze di nuova vita. Mollia Style racconta la storia che gli over 50 possono davvero scrivere, con il prezioso glamour cuore&cervello.