Che crediate o non crediate, che festeggiate o non festeggiate, il Natale arriva…più o meno come celebrava una nota pubblicità.

Arriva come atmosfera. Al di là della baldoria e di quella lunga pausa fatta di cibo, doni e messaggi augurali, il clima della festa è propizio per i nostri pensieri.

Pensieri d’affetto per le persone che amiamo, pensieri di riposo dalla frenesia del nostro anno, pensieri di gioia per qualcosa che possiamo fare durante la ‘vacanza’, pensieri di intima riflessione sul nostro ben-essere.

A Natale puoi…prenderti un piccolo momento per te. Per un regalo di coccole e relax, per uno sfizio a lungo rinviato, per un abbraccio cui tieni.

A Natale puoi…fare qualcosa per qualcuno che credi ne abbia bisogno. Goderti il tuo focolare o fare una visita speciale a chi merita un’attenzione.

A Natale puoi…vestire i panni di Santa Claus per il piacere dei bambini. Sentire addosso uno spirito di pace o provare a essere portatore di pace.

A Natale puoi…sgarrare sulla dieta e riderci su. Prenderti cura di fare di sosta virtù.

A Natale puoi…sognare che sia davvero facile ‘essere più buoni’.

Che ne dite se ci mettiamo in testa tutto questo per qualche giorno e brindiamo insieme alla serenità possibile?

Può aiutarci, moltissimo, ricordare quanti non ce la fanno…perché sono malati, perché hanno accanto qualcuno malato, perché stanno attraversando un periodo duro, perché non sanno più cosa ci sia da festeggiare.

A Natale puoi…apprezzare quel poco o tanto che ti fa fare cin cin!