Ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne.

È triste debba esserci un giorno per dire Basta. È triste che le Donne siano ancora così tanto vittime di violenze fisiche e psicologiche all’interno e fuori dalle mura domestiche. Del resto è tristissima la violenza, quale che sia la persona che la subisce.

Sono naturalmente con le Donne maltrattate e violentate, nel fisico e nella psiche. E sono con tutti quegli Uomini che si battono al fianco delle Donne. Gli Uomini veri compagni di vita.

Penso a quanta fragilità ci sia, in una società e in una ‘cultura’ che non rasserena la relazione tra persone. Persone. Uomini e Donne.

Allora credo a quanto possano fare le Donne…le Donne tutte insieme. Le Donne madri. Quelle che sono fulcro di valori, umanità e sensibilità. Quelle che educano. Quelle che hanno cuore e cervello per tutto e tutti.

Proprio da noi può e deve partire sempre una mentalità di pace, di collaborazione, di comprensione, di interazione. Proprio da noi può e deve diffondersi un pensiero di libertà, rispetto, amore.

Viviamo un tempo difficile e complesso. Noi Donne possiamo e dobbiamo essere portatrici di gioia e speranza.

La nostra solidarietà e la nostra vicinanza alle Donne vittime di violenza è importantissima ma non basta. Il nostro impegno deve andare oltre. Deve ispirare, divulgare e radicare un’autentica cultura di unione.

Per gli Uomini non è stato sempre facile accettare l’evoluzione della Donna? Magari è un processo lento ma sicuramente ce ne dobbiamo fare carico tutti e in fretta. Noi Donne sappiamo essere maestre di vita no?

Penso soprattutto alle Donne umiliate due volte. Dalle violenze di un Uomo e dall’assenza di Donne al loro fianco. Abbiamo invece la responsabilità di esserci. Di stringerci in un abbraccio forte, fortissimo.

Donne, Uomini, celebriamo il 25 novembre tutti i giorni. Basta. Basta davvero.